Feeds:
Articoli
Commenti

NINNA NANNA ALL’ITALIA
Proviamo ad immaginare che la Terra, stanca dalle continue violenze cui la sottopone l’uomo, decida di punirlo e quasi umanizzandosi, pensa di sacrificare una piccola parte di sé, nella speranza di riuscire a salvare il resto della Terra dall’umana follìa.
In suo aiuto accorrono:
Il Sole
La Luna
La Morte
Il Vento
Sentiamo cosa ci dicono:

IL SOLE
Astri, ascoltate…
Un Paese vuole morire!
Quel dolce Paese disteso sul Mediterraneo.
Questa Terra ferita, offesa ed umiliata,
al suo stesso mare ha chiesto aiuto.
I giovani sbandati, senza credo,
presi da panico e sconforto,
si sono messi ad adorar la droga,
come un moderno dio.
L’Uomo…
Che ancor non ha capito,
quanta fortuna ha avuto ad esser nato!
Lui cammina, corre, parla e ride
e ascolta il suono dolce della vita.
L’Uomo,
vita nell’Universo!
Quante cose belle ha costruito!
Guardatelo nei campi quando semina il grano,
com’è delicato con i semi,
tenero con i piccini,
forte nel dolore,
dolce nell’amore,
porco nel potere, bestia immonda
e la cancrena che gli cresce dentro
la coltiva leccandosi le piaghe.
Oh! Tu! Padrone del creato,
Tu che all’Uomo tutto hai regalato:
I prati, l’acqua, le sementi…
null’altro gli serviva!
Guarda cosa ne hanno fatto,
non dividono i frutti ed i fratelli muoiono di fame!
Tu, che per essi, Tuo figlio hai sacrificato
a che è servito?
Se sulla Terra ritornasse ancora…
non diversa sarebbe, la sua fine!
Tu, che a Noè dicesti “non più diluvi…
da solo si distruggerà”…
E’ forse questa l’ora che aspettavi?
No! Non farlo!
Sulla Terra c’è ancora qualcosa da salvare…
Salva la gente che lavora e stanca,
torna a casa la sera.
Salva il bambino ignaro, sulla soglia…
salva la mamma, il cucciolo, l’agnello.
Salva il coniglio, il lupo e il poverello…
che si addormenta stanco, su un portone.
Salva il pulcino
e la vecchina che sola, sola, prega.
Se non mi ascolti, resterai più solo che al principio…
né potrà più tornar Tuo figlio,
a salvare chi?
Salva il ragazzo che suona la chitarra
e quel pittore che dipinge un fiume…
salva la vita all’uomo che hai creato
a somiglianza Tua.
Tutta la Terra sta implorando aiuto,
se non è amore questo, dimmi cos’è.
Se la madre di Francesco d’Assisi vuole morire…
devi fare qualcosa!
Se l’uomo credendosi forte,
dimostra di non capire niente…
devi fare qualcosa!
Pensa cosa resterà dopo quel fungo!
L’esplosione distruggerà l’ozono
ed i miei raggi saran così potenti…
da far bollire anche l’acqua del mare.
Attento uomo!
Che ne farai del tempo che hai vissuto?
Rifletti!
Un morto, muore veramente solo quando…
non c’è più nessuno a ricordarlo.
Fermati!
Sei ancora in tempo!
Non ci sarà più prezzo per pagare,
questo tuo orrore!
Oh| Signore!
Manda una peste nuova sulla Terra.
Una peste che uccida solo i potenti
e tutti quelli che fabbricano armi
e che non ne risparmi neanche uno,
così che tutti i frutti del lavoro
e tutto il sudore della gente…
non sia sprecato più per riempire,
le povere viscere terrestri,
di quelle orrende fabbriche di morte.
Ma venga tolto l’incubo dal mondo
e dare all’uomo la voglia di cambiare,
per farlo finalmente maturare…
e utilizzare tutto quanto l’oro,
per migliorar la vita a chi rimane,
per trasformar l’inferno in paradiso,
in questo viaggio, fatto tutti insieme…
sopra lo stesso treno!
LA LUNA
Sono l’amica del silenzio, sono la Luna.
Non c’è uomo, nell’ombra della sera,
che non mi abbia svelato i suoi segreti,
nel tempo che fioriscono le viole…
Se buono nasce l’uomo,
cos’è che lo trasforma con il tempo?
Perché schiavo ancora lo rende,
l’antica musa del potere?
La grassa vacca insaziabile,
vecchia di duemila secoli e mai stanca.
Nella sua bocca si perdono,
il sudore, la speranza, le illusioni.
Tutti i sogni dei banchi di scuola,
s’infrangono come cristalli
e muoiono, come onde sulle rocce,
nella fine di ogni possibile speranza!
Oh! Giovane!
Non lasciarti ingoiare.
Non guardare in quella orrida, avida gola…
alla volpe astuta, ruba l’arte:
osserva le termiti, sono piccole, quasi non le vedi,
eppure…
sanno tutte insieme unirsi
e un immenso toro divorano…
in un minuto solo!
Quanti tori ci sono sulla Terra?
Sono tanti, ma tanti meno di voi!
Nerone è in ogni uomo, quando vuol dominare,
è l’odio che lo spinge, non l’amore.
Non è per la gloria del Paese,
non per la pace uccide.
Che pace può venire dalla guerra?
Oh! Giovane!
Oh! Ragazzo!
Oh! Primavera della vita!
Dentro due laghi azzurri vuoi guardare,
non lasciarti accecare!
Nelle tue mani sono riposte le speranze,
tu solo sei il nemico di quel toro,
a te sorridono i fiori e le farfalle…
per essi…l’inverno si avvicina!
Ed è per questo,
anche per questo…ti farà morire.
Non cedergli il passo!
Chi grida nella notte?
Chi minaccia?
Oscure ombre di morti senza sepoltura.
Morti per te. Per la tua libertà.
Essi davvero hanno creduto!
No! Vaganti ombre!
Qui nessuno urla, o minaccia,
o si strappa i capelli.
Qui si china il capo rassegnati,
come dinanzi a un fato.
Oh! Misero Paese!
Voglio cantar per chi non ti conobbe,
per tutti quelli che non sono nati,
per tutti quelli che non nasceranno più.
Tu eri la primavera del mondo!
Da te nacquero poeti, eroi e
uomini di mente.
Chi pittore potrà rappresentare,
cos’erano i tramonti sul Tirreno?
E l’alba dall’Adriatico?
E i lagni di montagna?
E le dolci colline e le pianure?
Nulla in te, era sbagliato.
Sbagliati sono solo i figli tuoi!
Quando l’acqua, la terra avrà coperto
capiranno…
quello che con te, hanno perduto!
Stanotte io ti starò sempre vicina…
per tingerti d’argento tutto il mare…
per cantarti,
una lunga ninna nanna!
LA MORTE
Io sono la morte, ma non ho la falce,
come l’uomo mi vuole immaginare.
A me non serve!
Vorrei vedere qui questi potenti,
che dicono di avere nelle mani…
il destino di tutta l’altra gente.
Qui voglio vederli! Davanti a me!
Quelli che dettan leggi e sputano sentenze.
Voglio che mi mostrino il coraggio,
che dicono di avere…
con tutte quelle bocche di cannone.
Vederli diventar freddi, di ghiaccio
per la paura che hanno di morire!
Troppi ne ho visto,
piangere forte, senza alcun ritegno.
Per quante accuse mi si voglion fare,
non c’è altra cosa che è più giusta!
Non guardo in faccia alcuno e mi comporto
con tutti, nella solita maniera.
Se l’uomo finisse di fare il bambino
provando a diventare adulto,
prendere me dovrebbe per modello!
Se solo provasse a immaginare,
che la vita è una vacanza in casa altrui…
se quello che qui trova, rispettasse,
come fan tutti quanti gli animali,
sarebbe con ragione fiero,
d’essere uomo, invece ch’esser bestia!
Tutta la vita ha sempre combattuto
ed ignorato quanto bene c’è,
nella parola che si chiama…Pace!
Ma se ancor non si decide,
a cambiar radicalmente la sua vita…
sicuramente si distruggerà.
E con lui dovrà finire anche la mia ingrata
attività.
Senza pensar che quando io lo chiamo,
potrà portarsi, quello che portava…
il giorno che approdò, su questa Terra!
IL VENTO
Io sono il Vento e appena l’ho saputo…
son corso qui.
Dolce Paese, questo non devi farlo!
Non sai che tutto ciò che muore,
disturba l’armonia nell’Universo?
Come puoi scordare queste cose!
Io ti soffiavo piano nella sera…
per aiutar le piante a far l’amore,
portando loro il polline che dava,
tanti germogli nuovi, a primavera.
Non sempre sono buono!
Ti abbiamo fatto a forma di stivale.
per lasciarti dal mare, accarezzare
e l’acqua in modo giusto…
per rendere più verdi i prati tuoi.
Immensi sassi…dietro le tue spalle,
per proteggerti dal freddo dell’inverno.
Pure l’inverno ti faceva dono
e candidi gigli posava,
sulle cime di tutti i monti tuoi.
E la terra stanca ricopriva,
con candide coperte di cristallo,
per cullarla nel sonno e nel riposo…
e ridestarla, fresca in primavera.
Tu pensi all’erba, ai gelsomini e tremi.
Tremi per quello che sarà:
Non ci sarà più erba, né prati,
né gelsomini.
Non suono di campane o campanacci
di mucche,
nei verdi pascoli montani.
Non ci saranno più suoni,
o voci,
o canto di pastore.
Non ci sarà nessun rumore,
nessun vivo rumore!
Ma silenzio… silenzio…
impietoso, inesorabile silenzio.
Non canto d’uccelli,
non zampilli d’acqua fresca,
non pioggia nei tuoi capelli,
né suono di cornamuse,
perché la vita se ne andrà…
perché la vita se ne andrà!
Sarà un lungo arido, deserto muto.
Né potrai brillar com’altra stella,
inutile avanzo.
Inutile avanzo persino per le stelle!
Per questo vuoi morire.
Dolce Paese…
parlerò io con i figli tuoi
e con tutti gli abitanti del pianeta.
Gli griderò che cosa stan facendo.
Non è anche di loro questa Terra?
Che se ne fanno quando l’hanno uccisa?
Quando neppure un sasso ne rimane?
Avranno pure un poco di cervello!
Se non lo fanno in nome dell’amore,
dovranno farlo per la convenienza
– Tu sei Vento e al vento parlerai…
ma se riuscirai a far capire loro,
che la vita non ha prezzo per nessuno,
se riuscirai a ridargli la ragione,
a distruggere ogni causa di morte,
a dividere il pane col fratello,
forse…
Ma l’uomo ha decretato già!
L’Italia si addormenta a poco… a poco…
Il mare la ricopre piano… piano…
Tutti i suoi monti vanno scomparendo:
il monte Bianco… il monte Rosa.
Piange la Luna, piangono le Stelle…
e piange pure il Vento con il Mare…
L’Italia… muore!

Annunci

TUTTI CONTRO IL NUOVO GOVERNO
Nessun governo dalla fine della seconda guerra mondiale, si è mai occupato dei problemi degli italiani e adesso che un governo appena nato se ne sta occupando, tutti quelli che hanno buttato l’Italia nell’abisso si sono scatenati, minacciando fulmini e saette per disintegrarlo. Purtroppo questo nostro povero paese è sempre stato danneggiato proprio da chi doveva proteggerlo. Fin dalla fine della guerra la nostra classe dirigente non ha mai fatto gli interessi degli italiani, ma si è sempre occupata di difendere quelli degli stranieri. L’Italia è stata da sempre sgovernata da omuncoli con un complesso di inferiorità nei confronti degli stranieri. Persino quelli che vengono definiti “statisti” non erano immuni da questa inferiorità, visto che hanno permesso centinaia di basi militari, dove esseri privi di scrupoli sperimentano sul nostro territorio ogni genere di schifezze, danneggiando per sempre la salute degli italiani, consentendo l’avvelenamento dell’aria, della terra e delle acque in modo irreversibile. Non si può perdonare questo crimine contro i cittadini italiani, in quanto lorsignori sapevano bene che in l’Italia non esiste un solo chilometro disabitato, essendo una piccola nazione con una elevata densità demografica, dove ogni chilometro quadrato è sempre stato abitato da migliaia di agricoltori, mentre quella nazione possedeva sterminati milioni di chilometri disabitati, dove potevano sperimentare di tutto senza danneggiare nessuno. Purtroppo la nostra classe politica è sempre stata formata da gente priva di dignità e onore che si prostrava (quali ridicoli servi) a quella nazione che incoraggiata da questo servilismo, trattava la nostra bella Italia come un cesso, dove scaricare ogni sorta di rifiuti. Oltretutto questi “traditori” sono arrivati ad uccidere gli uomini migliori dietro ordini di questi criminali d’oltre oceano, iniziando da Enrico Mattei che ritenevano un intralcio ai loro affari, mentre per l’Italia rappresentava uno dei pochi personaggi degni di rispetto per intelligenza, onestà e capacità, un vero signore in grado di risollevare le sorti di una nazione messa in ginocchio dalla guerra. Certo confrontati con tutti quelli venuti in seguito appaiono come “statisti” essendo andata via via sempre peggiorando questa classe dirigente, fino ad arrivare ai giorni nostri a cedere la sovranità politica ed economica e farsi trattare come ragazzini scemi, costretti a fare i compiti dettati da questa “unione bancaria” elemosinando i soldi necessari a mantenere una nazione, pagandoci sopra gli interessi quando possedevano la bacchetta magica per creare denaro. Cosa si è ottenuto in cambio se non un debito eterno, che mai potrà essere estinto? Questi bamboccioni che si alternavano alla guida della nostra nazione non si sono mai ribellati e hanno accettato ogni sorta di abuso. Una classe politica Incapace persino di avere una visione reale di quello che stava accadendo, tanto che Invece di difendere i cittadini italiani e quelli venuti da ogni parte del mondo a manifestare al G8 di Genova contro la “dittatura mondiale” che i potenti della terra stavano preparando chiamata “globalizzazione” quando si trattava della schiavizzazione dell’umanità per trasferire nelle casse dei potenti tutte le ricchezze prodotte, trasformando i popoli in una sorta di robot tutti uguali, rimescolando le razze, cancellando le tradizioni, gli usi e costumi per sottometterli ai loro interessi economici e questi nostri poveri buffoni si accaniscono contro i manifestanti favorendo così la morte civile dei cittadini e il trionfo degli squali assassini. I singoli piccoli dittatori li combattono con guerre a ripetizione massacrando piccoli, grandi, vecchi e bambini oltre alle città ridotte in macerie e non si rendono conto di spianare la via alla dittatura globale, dove non ci sarà più scampo per nessuno e per le future generazioni nascere nel pianeta della vita sarà sul serio vivere nell’inferno descritto da Dante Alighieri!

A EMMA BONINO, AI POLITICI E AI MEDIA ITALIANI
Vorrei chiedere a quella signora che non ha mai lavorato in vita sua e si è sempre fatta mantenere dagli italiani, come si permette di sparare cazzate a ripetizione proprio contro gli italiani:
“l’Italia ha bisogno di venticinque mila stranieri l’anno perché gli italiani non fanno più figli.
“E’ necessario accogliere stranieri per fare lavori che gli italiani non vogliono fare.
”Abbiamo bisogno di stranieri per poter pagare le pensioni.
1° Perché non vi chiedete tu e tutta l’accozzaglia istituzionale come mai gli italiani non fanno piu’ figli? Cosa credete che siano diventati tutti impotenti? O perché gli avete distrutto la vita togliendogli il lavoro, i diritti e il futuro, costringendoli a farsi mantenere dai vecchi genitori (che per fortuna) erano governati da una classe politica meno corrotta, che ha permesso loro una vecchiaia serena dopo aver lavorato una vita e pagato contributi per quarant’anni? E voi che avete fatto? Voi invece di migliorare la qualità di vita di chi vi mantiene alla dolce vita, gli avete tolto presente e futuro e da vigliacchi quali siete, osate anche demonizzarli, ma non vi vergognate? Dovrebbero mettere al mondo figli per farvici speculare sopra, visto che li togliete ai genitori disoccupati invece di aiutarli e regalate milioni alle case famiglia?
2° Chiedetevi perché ci sono lavori che gli italiani non vogliono fare: ci stareste voi a raccogliere pomodori dieci ore al giorno per cinque euro per ingrassare dei parassiti? Ma come vi permettete di insultare chi si priva di tutto per mantenervi e voi in cambio li affamate! Vomitate continuamente contro la classe lavoratrice e mai una parola contro chi li schiavizza e contro quel vergognoso caporalato (demolito il secolo scorso) ma risuscitato grazie alla vostra deficienza. Avete tolto il futuro e la speranza al popolo italiano e osate addossargli le vostre colpe facendo invadere l’Italia da stranieri per finirli del tutto? Gli italiani consideravano il lavoro la loro seconda casa e facevano di tutto per migliorarsi e arricchire i padroni, gli stessi che voi avete incoraggiato a delocalizzare gettando sul lastrico quelli che dovevate difendere. Prima di voi la classe lavoratrice italiana viveva serena, sapendo di poter contare su uno stipendio fisso che permetteva a tutti di crearsi una famiglia, crescere dei figli e vivere in pace, ma questo per voi era troppo e dovevate schiacciarli per servire quelli che vi usano come marionette e senza vergogna siete diventati dei miserabili traditori della vostra e nostra patria.
3° Servono stranieri per pagare le pensioni? E i versamenti degli italiani dove sono finiti? Dove sono finiti quarant’anni di versamenti dell’intera classe lavoratrice? E dove quelli versati a vuoto da chi muore prima di prenderla la pensione? Oltre ai versamenti i lavoratori italiani pagavano una tassa per la costruzione di case popolari da dare a chi non poteva permettersi un affitto privato e nello stesso tempo coi soldi degli affitti si integravano i pagamenti delle pensioni e voi che avete fatto? Le avete svendute sottocosto per fare cassa e sperperarli come fosse roba vostra! E osate chiamare economia questi sprechi? Qualsiasi madre di famiglia farebbe meglio di tutti i vostri economisti messi insieme. Bel sistema definire economia il trasferimento della ricchezza dalla classe lavoratrice alle casse delle banche, delle multinazionali e dei mercati! E adesso siete arrivati al punto di cacciare gli italiani per fare posto agli stranieri? Fate veramente schifo maledizione! Siete una classe politica da ammazzare!

IMPARIAMO A RAGIONARE CON LA NOSTRA TESTA
Secondo i vari politici, i media e falsi oratori Salvini sarebbe un fascista solo per essersi opposto (per la prima volta) all’ennesima importazione di schiavi (utili alla malavita) che guadagna più con loro che con la droga, dopo averne accolti milioni? Ma come può la classe dirigente italiana sparare queste cazzate? Oppure è vero che gli italiani sono nati per servire gli stranieri, i quali trovano comodo che se li accolli tutti lei? E chi non ne approfitterebbe? Ma Salvini (al contrario di loro) si è permesso di opporsi a questo servilismo e perciò viene definito “razzista” anche da quelle nazioni che chiudono le frontiere, alzano barricate, costruiscono muri e sparano contro chi tenta di avvicinarsi ai loro confini. Sarebbe questa la generosità che gli permette di dare del fascista a chi fino a ieri ha accolto tutti? La Francia che osa offendere l’Italia definendola “vomitevole e cinica” quando è stata lei a scatenare l’esodo biblico della popolazione (che con Gheddafi se ne stava a casa loro) disintegrando la Libia uccidendo non solo Gheddafi, ma anche migliaia di vite umane, per la sua folle e insaziabile sete di potere e oltretutto, dopo aver compiuto crimini di questa portata, rifiuta di accogliere i sopravvissuti che scappano da quella nazione diventata (per merito loro) il regno della criminalità. Ma si rendono conto i politicanti italiani di quello che fanno e dicono? Si rendono conto che quelli mangiano i fichi e all’Italia buttano le bucce? Lo vogliono capire o no che un bicchiere da un quarto non può contenerne un litro? L’Italia è una delle nazioni più piccole d’Europa mentre l’Africa è la più grande, dove dovremmo metterli? Tutte le altre nazioni europee sono molto più grandi e hanno più spazio, ma se ne guardano bene dal farli entrare. La colpa di questa situazione è della classe dirigente italiana e di quella vecchia radicale che va predicando che in Italia servono venticinquemila profughi l’anno perché gli italiani non fanno più figli. Ci rendiamo conto chi è questa gente che paghiamo milioni per farci massacrare? Ci rendiamo conto delle bestialità che vomitano? Se gli italiani non fanno più figli è perché lor signori li hanno privati del lavoro, dei diritti e del domani e come potrebbero mantenerli se sono costretti loro a farsi mantenere dai vecchi genitori?
Perché non si chiedono questi finti buonisti come mai sbarcano africani giovani e sani mentre quelli che veramente muoiono di fame li lasciano morire invece di soccorrerli? Fermare questi barconi è il solo modo per pone fine al traffico di esseri umani. Chi ci guadagna da questo traffico se non la malavita? Non certo i deportati costretti a lavorare dieci ore al giorno senza diritti per pochi centesimi e non possono permettersi neppure una baracca dove dormire. Sarebbe questa l’accoglienza? Accogliere significa deportarli in un moderno campo di concentramento? Coloro che alzano la voce contro il neonato governo italiano sono gli stessi che hanno depredato l’Africa e affamato milioni di esseri umani, ma di questo nessuno ne parla, sono gli stessi che distruggono nazioni per depredarle con la scusa di salvare i cittadini dai dittatori, infatti li salvano mandandoli al cimitero, o farne degli schiavi.
E’ necessaria una riflessione su quel che scrive Giobbe Covatta: “Quando vedo sbarcare questi con “sti fisici” capisco che l’Europa non ha capito niente della situazione in Africa. Ci sono milioni di persone che non riuscirebbero ad affrontare una passeggiata di cento metri, tanto sono malridotti, figuriamoci una traversata. Senza contare che col costo di un imbarco, ci vivrebbero in mille per un mese. Stiamo facendo ponti d’oro a gente che non lo merita, quando basterebbe investire una metà di ciò che si spende all’anno per sistemarne trecentomila, per salvarne milioni in Africa: Ma capisco che certe realtà è meglio non vederle, soprattutto perché non fanno comodo agli interessi politici ed economici di nessuno”
Perché Saviano, i politicanti, i media e tutti i difensori del pensiero unico non si battono con la stessa bava alla bocca contro Israele che da settant’anni sta compiendo un genocidio contro i palestinesi? E perché non si chiedono come mai sbarcano uomini sani e forti invece di esseri scheletriti che per davvero muoiono di fame? Quelle sono donne da salvare coi loro bambini che non riescono ad arrivare al settimo anno di vita, ma di questi poveri disgraziati nessuno se ne fa carico, nessuno prova a difenderli, perché? La risposta è semplice perché agli schiavisti non fanno comodo, hanno bisogno di braccia forti per farli lavorare come schiavi e arricchirsi sulla loro pelle.

LA COLPA E’ DEGLI SQUALI
“Se usciamo dall’euro faremo la fine della Grecia”. Questo monito all’Italia, ripetuto come un mantra da politici, giornalisti, economisti e altri, è clamorosamente sbagliato e va corretto così: “se restiamo nell’euro faremo la fine della Grecia” perché la Grecia è rimasta nell’euro, se ne fosse uscita non avrebbe fatto questa fine.
Questi fautori del pensiero unico, che difendono con le unghie e coi denti i loro privilegi, fregandosene delle atroci sofferenze imposte a milioni di cittadini, si sono scatenati contro un governo appena nato formato da gente rimasta umana, dalla fedina penale immacolata e per questo ritenuto nemico da cui difendersi. Invece siamo noi che ci dobbiamo difenderci da questa degenerata massa di abusivi, (nessuno li ha eletti) che ci ha trascinato in quel lager pomposamente definito “Unione Europea” quando il vero nome è “Saccheggio europeo”.
Il nostro benessere è finito nel momento in cui, questi scellerati ci hanno privati della sovranità politica, civile ed economica per svenderci come merce al mercato. Senza il nostro consenso ci siamo ritrovati vittime, di un criminale sistema di predazione delle nostre ricchezze, trasferite tutte nelle fauci di questi squali. Mai come adesso l’Europa è stata divisa fra ricchi e poveri e le migliori nazioni come Italia e Grecia saccheggiate e ridotte in agonia. Gli italiani, come i greci non possono più neppure crearsi una famiglia perché disoccupati con nessuna speranza nel futuro. Già adesso i vecchi sono costretti a cercare scarti nei mercati per sopravvivere. Dalla sera alla mattina ci siamo ritrovati con stipendi e pensioni svalutati del sessanta per cento, i colossi statali svenduti ai privati e fatti fallire lasciando sul lastrico milioni di cittadini. Ci siamo ritrovati privi della nostra sovranità economica, politica e civile con un debito assurdo e immorale sulle spalle e per pagarne gli interessi si dissanguano i cittadini. Un debito trasformato da questi scellerati da pubblico (che nessuno ci poteva richiedere) in privato dandolo in pasto alle banche e farci pagare sopra interessi da usura e proprio per questo non potrà mai essere estinto, visto che invece di scendere aumenta e continuerà ad aumentare all’infinito con interessi sempre maggiori.
E’ questo quello che l’Europa offre in cambio a chi entra in questo girone? E dovemmo esserle grati e magari condannare chiunque osi contestarla? Ritengono regolare questi “europeisti” che alla Germania (che doveva pagare miliardi di debiti per aver ucciso milioni di cittadini, invaso e sottomesse nazioni, provocando una guerra mondiale per liberarci dalla sua ferocia) gli sono stati condonati mentre noi abbiamo pagato a caro prezzo tutti i nostri debiti e la Grecia ha rinunciato ai risarcimenti per non farla fallire, invece siamo proprio noi le due nazioni più maltrattate? Quasi certamente perché siamo le nazioni più ricche di arte e bellezza e loro vogliono portarcele via! E allora per quale ragione noi che in questo caso, non abbiamo ammazzato nessuno, che non abbiamo occupato nessun paese dovremmo pagare un debito già ampiamente pagato con gli interessi? A quanto pare è stata studiata bene questa rapina: per trasformare la nostra la vita in un inferno.
Questo neonato governo non è abusivo come tutti quelli che da anni sgovernano il nostro paese, ma è stato votato da diciassette milioni di cittadini che non ne possono più di vivere di stenti, di svuotare il paese dei migliori cervelli che fuggono lontano. Non ne possono più di essere invasi da milioni di extracomunitari che vengono a finire di crocifiggere gli italiani. Non ne possono più di svenarsi per mantenere questi squali all’ingrasso. Ci auguriamo tutti di uscire da questa gabbia, liberare la nostra meravigliosa nazione e riprenderci la libertà politica, economica, monetaria e civile!

NON E’ DEL PRESIDENTE MATTARELLA LA COLPA
In un primo momento ero arrabbiatissima contro il presidente che aveva negato la nascita di un governo a chi aveva vinto le elezioni, ritenendolo un debole poi nella notte, non riuscendo a dormire ho capito che il presidente non aveva alcuna colpa. Mattarella è semplicemente l’ultimo anello della catena, mentre i veri colpevoli sono quelli che lo hanno preceduto. Sono anche convinta che Di Maio abbia fatto di tutto per dare un governo agli italiani, ma è stato un ingenuo a fidarsi di un personaggio come Salvini (in politica dal 1990) il quale non voleva governare con lui, ma col criminale Berlusconi, con cui era d’accordo. Sicuramente ha accettato le direttive del caimano, ossia fingere di formare un governo con chi il caimano odia, per poi mandare tutto all’aria con un pretesto. Approfittando della scelta di Di Maio sull’economista Paolo Savona non gradito al colle, punta i piedi (come da copione) mentre l’ingenuo Di Maio avrebbe ceduto pur di poter cambiare le regole che stanno strozzando gli italiani.
Berlusconi (indagato per stragi, oltre ad avere stretti rapporti con la mafia) non avrebbe mai acconsentito a farsi da parte, figuriamoci poi a permettere ai 5 Stelle di governare. E’ stata per davvero una ingenuità anche di tutti noi accordare fiducia a chi dobbiamo ritenere colpevole del degrado morale, civile ed economico della nostra nazione. Erano loro (Forza Italia, Lega e movimento sociale) al governo e sono stati loro a gettare l’Italia nell’abisso. Cosa ci faceva Fini al G8 di Genova? Erano loro a governare nel 2001 e abbiamo dimenticato quali ordini sono stati dati contro i No Global, che volevano impedire questa globalizzazione della schiavitù? Abbiamo dimenticato la vergogna dell’osceno spettacolo (in diretta in tutto il mondo) che hanno dato le forze di polizia italiane contro ragazzini che dormivano in una scuola? Abbiamo dimenticato con quanta ferocia questi fascisti si avventavano contro vecchi, donne e bambini a mani alzate? Lo scopo di quel vergognoso governo era quello di stroncare per sempre il Movimento “No Global” che ostacolava la svendita della nostra sovranità politica, civile ed economica a chi si era arrogato il diritto di globalizzare la povertà, depredando le nazioni di ogni bene per trasferirlo nelle casse di un pugno di dannati. Sono loro che facevano gli interessi di questi criminali contro quelli degli italiani. Salvini non è come Di Maio estraneo alle politiche che hanno portato gli italiani alla miseria, lui era al corrente di cosa il suo partito con quello del fascista Fini e del pregiudicato Berlusconi stavano facendo alle spalle degli italiani. Sottovalutare la loro sete di potere e l’odio dimostrato da sempre contro il Movimento 5 Stelle, è stato un errore. Ma la cosa che mi fa accapponare la pelle sono le previsioni che tutti fanno sul trionfo della lega e la sconfitta dei 5 Stelle, quando la colpa è tutta della falsità della Lega e dell’osceno doppio gioco di Salvini che preferisce governare con un criminale piuttosto che con gente per bene. Ma la popolazione tutto questo lo sa? E perché gli organi di informazione non informano gli italiani su come stanno realmente le cose, oppure anche loro preferiscono che governi la criminalità e non l’onestà?

ERA GIA’ TUTTO PREVISTO
Adesso capisco perché tutti vi ritenevano impreparati caro Di Maio, perché impreparati lo eravate sul serio, eravate impreparati a non fidarvi di nessuno in quell’ambiente! Non avevate ancora capito fino a che punto si arriva per sete di potere. Non avete tenuto conto di quanta criminalità si nasconde dentro quella categoria. Eppure eravamo tutti al corrente che hanno le mani sporche di sangue. Sapevamo tutti che sono stati uccisi gli uomini migliori, quelli che possedevano dignità e rispetto per la popolazione. Come abbiamo potuto fidarci di chi è arrivato ad organizzare stragi contro innocenti cittadini, dove venivano fuori gli esecutori e mai i mandanti? Se i pentiti dicono a chiare lettere, che i capi mafia sono dei semplici esecutori perché la vera cupola è a Roma, come abbiamo fatto a non tenerne conto? E inoltre come abbiamo fatto a fidarci di un fascistoide che vive di politica da sempre? Ci siamo fidati di quel caimano credendolo capace di un gesto di generosità, quando erano tutti d’accordo nell’impedire al M5S di governare il paese.
Siamo stati per davvero tutti ingenui a credere di poter governare sbandierando ai quattro venti che avreste azzerato i loro privilegi, tolti i vitalizi, il finanziamento pubblico ai partiti e ai giornali, ridotti gli stipendi e riformata la giustizia, azzerando la prescrizione che rende impunito qualsiasi crimine. Ecco solo adesso abbiamo scoperto l’arcano: queste cose si fanno non si dicono!
L’esperienza a cui si riferiva questa casta consiste nel fatto che loro usano coi cittadini il metodo della rana bollita di Chomsky, infatti ci hanno forse avvisati quando ci hanno ridotto del 60 per cento stipendi e pensioni per entrare nell’euro? Ci hanno avvisati quando hanno disintegrato tutti i colossi statali, licenziando tutti i dipendenti? Ci hanno avvisati prima di venderci come merce ai mercati? Ci hanno avvisati quando ci hanno tolto i diritti, il lavoro, la dignità per renderci tutti miserabili? Mi sento in colpa per aver analizzato solo adesso questa verità e non prima quando sarebbe stato utile a non dare a questi esseri il motivo per impedirci di governare. Cosa ci si poteva aspettare dopo aver sbandierato quale era il nostro programma, che ci accogliessero a braccia aperte? Quella loro è stata una reazione logica essendo dei veri scrocconi, che vogliono continuare a vivere nel lusso da parassiti, sulle spalle della classe lavoratrice.
Più indegno e vergognoso è stato il comportamento del presidente della repubblicana che ha giurato sulla Costituzione di rispettarla e farla rispettare e invece ha giurato il falso, visto che si è comportato esattamente contro le sue leggi. Impedendo la nascita di un governo votato dalla maggioranza degli italiani, ha tradito il suo compito. Avrebbe fatto più bella figura se avesse dichiarato apertamente che la sovranità non appartiene al popolo, ma alla casta. Con le votazioni i cittadini hanno inteso rigettare quei partiti che li hanno portati alla miseria e alla schiavitù delle banche mondiali. Hanno condannato questo sistema corrotto chiedendo un cambiamento radicale. Invece questo signore non tiene in alcun conto la volontà popolare e preferisce affidare l’Italia ad un pregiudicato, colluso con la mafia e indagato per mille reati (sarà questo lo scenario dopo le nuove elezioni) piuttosto che a gente che non ha mai governato, ma viene condannata a prescindere. Quindi il Parlamento italiano è il luogo dove i crimini fanno curriculum, dove vengono ammessi evasori fiscali, ladri, servi, baldracche e papponi e non c’è posto per gente pulita, onesta, dignitosa e competente. Parlare di impeachment? Non siamo mica in America, qui è solo perdita di tempo e pia illusione, visto che sono tutti a libro paga. il Creatore ha regalato all’Italia una meravigliosa bellezza, ma per contrasto anche un’orrenda classe politica, questa povera nazione infatti è sempre stata massacrata da traditori, a cominciare dai Savoia. Questi inutili buffoni hanno il coraggio di condannare il fascismo di Mussolini, quando loro sono nazisti e della peggiore specie anche! Ora capisco perché tutte le nazioni usano la classe politica italiana come un cesso, dove scaricare la loro merda perché sono merda e non serve tirare la catena.
Ieri è stata uccisa la Democrazia e un nero sudario avvolge ora l’Italia!
Che siate maledetti!