Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for agosto 2012

IL TRIONFO DEGLI ESCREMENTI
Ogni epoca viene ricordata con un nome nella stora dell’umanità, così abbiamo avuto l’età della pietra, del bronzo, il Medo Evo, il Rinascimento mentre gli anni duemila verranno ricordati come l’epoca degli escrementi!
Persino un verme avrebbe dimostrato di possedere più dignità di quella megera che dirige la regione Lazio. Questa cafona, arrivata al potere nell’ epoca degli escrementi per l’appunto, si permette, dopo aver cancellato 24 ospedali e duemilanovecento posti letto nella regione, di far riaprire un intero reparto al 5° piano dell’Ospedale S.Andrea (chiuso per mancanza di fondi e di personale) che avrebbe riaperto i battenti a settembre e di avere a sua disposizione trenta posti letto, un’intera sala operatoria, oltre tre infermieri, per assicurarle l’assistenza per un piccolo intervento chirurgico.
Non si può fare a meno di sottolineare fino a che punto di sottomissione è stata portata la popolazione, se dinanzi ad un simile insulto, sia incapace di una sacrosanta reazione. Come si fa a sacrificare oltre ai diritti, anche la dignità delle persone per favorire una merda, senza offesa per la merda perché persino questa, buttata sui prati è di una certa utilità visto che sa trasformarsi in concime naturale, mentre costoro rappresentano solo un danno nel ciclo vitale.
La popolazione abbandonata a sé stessa, viene terrorizzata da questi escrementi e tenuta sotto ricatto. La necessità di nutrirsi, la consapevolezza di essere soli, di non avere rappresentanza nelle istituzioni, permette a queste chiaviche di utilizzarla come contenitori usa e getta, utili fino a quando col loro sudore siano in grado di mantenerli in questo osceno lusso. Stando così le cose è chiaro come siano tutti uniti a combattere contro chiunque provi a difendere questi derelitti, organizzando movimenti come il 5 Stelle di Beppe Grillo. Osano deriderlo in quanto comico per mestiere, quasi che per far ridere la gente, non fosse necessaria una superiore dose di intelligenza, in contrasto con loro, la cui intelligenza è sostituita dall’odio per gli esseri umani e dall’insaziabile sete di potere.
Il Movimento 5 Stelle si prefigge lo scopo di restituire la dignità rubata alla popolazione, di mettere sullo stesso piano lavoratori e imprenditori dove ogni persona deve avere gli stessi diritti, che non esistono differenze tra un uomo e un altro se non nell’aspetto fisico. Si prefigge lo scopo di disintegrare l’epoca degli escrementi, di fermare questa deriva nel cammino dell’umanità per tornare a guardare al futuro, migliorandolo dal passato.

Annunci

Read Full Post »

FASCISTI VERI CONTRO FASCISTI IMMAGINARI
Dunque Beppe Grillo sarebbe un fascista? Cos’altro ancora dovrà inventarsi questa inutile classe politica per continuare ad ingannare la popolazione e restare al potere? Lo accusano di essere un milionario in pantofole, che dalla sua villa soffia sul conflitto sociale. Vorrei far notare a questi signori che la villa a Bebbe Grillo non gli è stata regalata a sua insaputa, ma se l’è comprata con i soldi del suo lavoro e se è un milionario lo deve alla sua capacità artistica e non è frutto di rapine. Sarebbe interessante sapere a quanto ammontava la ricchezza di lor signori e di quanto è cresciuta dopo essere entrati nella mangiatoia. Non si può negare di quanti privilegi questi “signori” si sono circondati sulle spalle dei poveri lavoratori, che buttando il sangue dieci ore al giorno per un misero stipendio, consentivano a questi esseri una vita da nababbi. Una classe lavoratrice ingannata moralmente e fisicamente con promesse mai mantenute, sbandierate per rubare i loro voti.
Se in quella “mangiatoia” non ci si sgargarozzasse a quattro ganasce ma si mangerebbe alla stessa maniera di tutti gli altri lavoratori, lor signori non lotterebbero fino alla morte per rimanerci. E’ chiarissima la lotta all’ultimo sangue fatta contro chi intende privarli di questi osceni privilegi, di chi lotta affinché nessun uomo si possa arricchire sfruttando altri uomini: è noto a tutti quanto il diavolo odi l’acqua santa e questi politicanti non fanno eccezione!
In vista delle votazioni è iniziata in anticipo la guerra contro chi intende disintegrare questa fabbrica del male dove essi imperano e da dove, senza alcuna vergogna, continuano a chiedere fiducia ad una popolazione maltrattata, sfruttata e ingannata. Continuano a cianciare di giustizia, di crescita, di bene comune, quasi non fosse sotto gli occhi di tutti la terrificante realtà. Ci hanno ampiamente dimostrato l’incapacità di riparare anche i disastri da essi stessi commessi, disastri derivati dalla loro scellerata se non criminale gestione della cosa pubblica. Sono stati costretti ad affidare a dei banchieri il governo del paese, dimostrando quindi di non essere all’altezza dei loro compiti e osano ancora chiederci di continuare a sfruttarci! Ci vuole una faccia come la loro per presentarsi ancora dinanzi ad una popolazione martoriata ad elemosinare un voto.
La risposta che ogni italiano dovrebbe dare a lor signori è un biglietto di sola andata per l’inferno!
Dovrebbero ringraziarlo Beppe Grillo e il suo Movimento 5 Stelle perché è l’unica alternativa che impedisce alla popolazione di aspettarli fuori del Parlamento con i bazooka spianati!

Read Full Post »

SIAMO DIVENTATI UNA BARZELLETTA!
Ci stiamo comportando per davvero come i personaggi delle barzellette. La degenerazione della classe dirigente italiana sta facendo scuola e dopo aver coinvolto i media, la si sta trasferendo anche nella popolazione, indottrinandola. E’ per davvero oscena la crocifissione di un atleta, reo di essersi dopato, quasi fosse il solo a commettere questo tipo di reato. Condannare questa frode è fondamentale, ma gridare al finto scandalo o usare un atleta come capro espiatorio, è immorale! Ma come si fa a chiudere gli occhi dinanzi ad una realtà che è sotto quelli di tutti? Come si fa ad osannare un atleta un attimo prima e spedirlo all’inferno subito dopo? Ecco questa cosa fa venire in mente una barzelletta: “ I nobili romani lanciarono una sfida ai gladiatori, con la promessa che avrebbero liberato chi tra loro, sarebbe riuscito ad accoppiarsi ininterrottamente con cento donne. Accolsero la sfida tutti i gladiatori però, via via che aumentava il numero delle prestazioni crollavano uno dopo l’altro tranne Spartaco, osannato come un dio mano che il numero saliva, ma dopo essere arrivato alla novantanovesima anche lui crollò e a quel punto la folla si mise a insultarlo urlando che era un impotente”.
Ecco tutti noi ci si stiamo comportando nello stesso identico modo: siamo diventati una barzelletta.
E’ veramente grottesco arrivare ad esonerare questo atleta dall’Arma, quando quattro poliziotti, assassini di un ragazzino colpevole solo di esserseli trovati sulla sua strada, sono ancora al loro posto. Questa cosa è un offesa alle coscienze oltre che un insulto all’intelligenza. Purtroppo si tratta di una tale degenerazione della giustizia da far accapponare la pelle. Si possono anche comprendere gli errori: sbagliare è umano, ma non si può sottomettere la giustizia agli “ errori”!
Ma che sta succedendo nella coscienza degli esseri umani? Possibile che si sia persa la ragione al punto da ritenere un atleta dopato, più colpevole di chi compie un assassinio?
A questo punto è davvero indispensabile una riflessione: se siamo arrivati a non distinguere più un crimine da una semplice frode, l’umanità è per davvero in pericolo. Se non si ricorre ai ripari, se non si pone un freno a questa galoppante follia, la degenerazione sarà così diffusa, da rendere addirittura impossibile vivere su questo pianeta.
Ma che ne è stato della nostra storia? Che ne abbiamo fatto della nostra cultura, della sapienza, della saggezza, dell’esperienza degli uomini del passato, quando si studiava per migliorarsi? Quando il domani sarebbe stato migliore di ieri? E perché ora l’umanità ha ingranato la marcia indietro e proprio nell’ambito della civiltà? Cos’è questo ritorno alle origini? Cos’è che sta bloccando l’intelletto umano? Di cosa ci stiamo nutrendo? O meglio, cosa ci stanno propinando per essere giunti a cancellare la logica, a disintegrare l’onestà e anche la solidarietà? Cosa ci stanno facendo per ottenebrare i nostri cervelli? Con cosa ci stanno bombardando per renderci impotenti e tenerci in sospeso come foglie al vento? Queste domande le rivolgo ai governanti, che stanno tradendo le popolazioni sottomettendole piuttosto che difenderle. le rivolgo a tutti i giornalisti che hanno dimenticato lo scopo del loro esistere, che era quello di informare, stimolare e rendere edotta la popolazione su ciò che succedeva e non di sostenere o asservirsi al potere. Le rivolgo a tutti noi che abbiamo rinunciato ai nostri diritti, alla nostra libertà, alla speranza di un domani migliore, come i nostri avi ci avevano insegnato. Ci avevano i nostri avi insegnato a difenderci dai soprusi delle classi dominanti e invece noi abbiamo ceduto loro persino il diritto alla vita “diritto naturale, inviolabile di nascita” che NESSUN POTERE POLITICO O ECONOMICO POTEVA ARROGARSI!

Read Full Post »