Feeds:
Articoli
Commenti

PREDATORI-UMANI

In quale altro modo definirli, se le sofferenze che gli esseri umani sono costretti a subire, dipendono in gran parte da questi predatori, meglio conosciuti come “potenti”?
E’ dimostrato nei fatti che i governanti e i grossi capitalisti sono privi di umanità! Sono loro che da sempre rovinano l’esistenza degli esseri umani, che seminano odio e dispensano sofferenze. Sono essi a sterminare milioni di vite nelle loro luride guerre. Guerre studiate a tavolino per saziare la sete di potere di menti marce e riempire i forzieri di carnefici in preda a delirio d’onnipotenza. Sono sempre stati i “potenti” a depredare le altre nazioni delle proprie ricchezze, lasciandosi dietro distruzione, fame e miseria. Seminano morte al posto del grano e a pagare questi crimini è stata sempre e solo la classe lavoratrice, che non si è mai resa conto di essere proprio lei, a finanziare col suo duro lavoro i suoi nemici, mentre i figli si uccidevano tra loro convinti di essere nel giusto, solo perché gli facevano credere di essere nemici e quindi sparare ad una divisa diversa, sarebbe divenuto un “eroe” quando diventava solo un assassino!
Tutto questo perché siamo incapaci di affidare il potere a gente degna, purtroppo non si sceglie mai la saggezza ma l’arroganza, ci si affida a gente mediocre a cui va aggiunta una buona dose di disonestà, che unita alla megalomania e alla sete di potere, viene fuori quel veleno con cui si intossica l’ingenua popolazione.
Le democrazie sono nate per abbattere le monarchie e scongiurare imperatori e dittatori (sempre in agguato) ma si è sottovalutato sempre, che è proprio il potere a creare mostri! Sono i soldi il cancro dei cervelli, ed è dunque la ricchezza la vera nemica dell’umanità!
E siccome non può esistere ricchezza senza povertà, se ne deduce che la ricchezza si crea privando gli altri di quel che gli appartiene!
Allora necessita ribaltare dalle fondamenta questa società. Se il potere è dato dal denaro, deve essere lo Stato e solo lo Stato a possederlo in quanto ha interessi diversi dal privato. Necessita togliere i soldi dalle mani dei privati perché i privati più ne posseggono e più ne vogliono possedere, tant’è che stanno creando un mondo invivibile dove il novantanove per cento della popolazione deve morire di fame mentre l’uno per cento si spartisce l’intera ricchezza del pianeta. Vogliono che la Terra diventi un inferno per miliardi di persone e un paradiso per pochi! Basta! E’ urgente fermarli prima che essi fermino noi!
Nessun privato dovrebbe possedere così tanto denaro da mettere in pericolo la Democrazia e se è necessaria una guerra per raggiungere tale obiettivo, è giusto farla! Finora le guerre le hanno sempre fatte contro noi, adesso è più che giusto farne una contro loro!
E’ necessario che i governi tornino a governare, ad occuparsi del benessere dei popoli, le banche devono tornare a fare le banche, necessita spezzare le ossa alle multinazionali che stanno azzerando la sovranità degli Stati e schiavizzando le popolazioni. I governi devono tornare a governare ma non a parole come fatto finora, non per circondarsi di onori, ricchezze e privilegi, ma rendersi responsabili fino a pagare con la vita i tradimenti! Troppo comodo vivere da padreterni e farla franca quando si macchiano di delitti.
Deve essere la popolazione questa volta a dichiarare guerra ai nemici di sempre. Nessun uomo deve più arricchirsi col sangue di altri uomini. Le guerre sono sacrosante se combattute contro i predatori di esseri umani. Persino le guerre sono benvenute e benedette se scatenate per riaffermare la giustizia sociale.
Organizziamoci per distruggere noi questi predatori finché siamo ancora in tempo e prima che ci distruggano loro!

UNA FOTO RICORDO

La fotografia dell’Italia è quella di una famiglia dove il padre è ubriaco dalla mattina alla sera e spreca tutto il guadagno in vino, la madre una puttana che pensa solo a sé stessa fregandosene della casa e dei figli e i figli dei poveri sbandati senza difese, senza un riferimento, senza regole, senza prospettive, senza certezze e senza futuro.
Questa però non è solo la foto dell’Italia, ma la fotografia della maggior parte delle nazioni europee appartenenti a questa che chiamano “Unione Europea” quando il nome giusto sarebbe “Distruzione Europea”.
Non serve l’intelligenza di Leonardo per scoprire quale sia l’osceno intento di questi capitalisti privi di freni, dato che tutti abbiamo capito che il loro scopo è quello di assassinare l’assetto democratico e condurre l’Europa verso una forma autoritaria. Per lor signori la democrazia è ritenuta di ostacolo ai propri interessi (ora chiarissimi) di predazione di tutte le ricchezze del nostro vecchio continente e riportare indietro di secoli, quella classe lavoratrice che aveva avuto l’ardire di pretendere, che le venissero riconosciuti i propri inalienabili diritti! L’’attacco indiscriminato allo stato sociale conferma questa tesi!
Cosa è stato fatto in concreto per i lavoratori da quando l’Unione è nata, se non la cancellazione di quei diritti acquisiti dopo anni di lotte? Peggio, sono stati privati proprio del lavoro perché il “sistema” di questi squali non accetta, che piccole e medie imprese possano limitare i loro introiti, per cui andavano fatte fallire, contemporaneamente dovevano fallire anche i colossi statali per creare maggiore disoccupazione, lasciando solo alle multinazionali di (loro proprietà) il diritto di esistere! Questi dannati non possono permettersi di rinunciare neppure alle briciole, ma devono tenere tutto per sé e trasformare in schiavi moderni l’intera classe lavoratrice, che viene così privata non soltanto dei diritti ma di ogni possibile reazione, pena la morte per fame!
Trasformare il Senato in un’assemblea di notabili, significa restringere l’autonomia del Parlamento, per assicurarsi l’intervento senza intralci della gestione del paese e quindi, per abbattere i diritti civili, economici e sociali ed instaurare una “democrazia delle élites” colpendo a morte la sovranità popolare.
La cancellazione delle regole Costituzionali completerà l’opera di distruzione della società che conosciamo, agevolando la mattanza della popolazione.
L’instaurazione di governi non eletti, la designazione dall’alto dei deputati, il presidenzialismo e la cancellazione dello statuto dei lavoratori, portano senza ombra di dubbio verso un barbaro sistema totalitario. Le contro-leggi che questi governi fantoccio adottano, sono ordini dettati dall’Unione che i nostri finti governi devono eseguire alla lettera, pena la loro sostituzione con marionette più affidabili!
La cosa più vergognosa è che a decidere la morte civile delle nazioni siano anche i propri figli più ricchi, che per sete di potere arrivano a compiere crimini contro la madre patria e i propri fratelli! Questa devastazione non è solo economica ma anche di quei valori morali e umani raggiunti dopo secoli di civiltà.
Fermare questa deriva deve essere l’obiettivo di tutta la classe lavoratrice europea (la sola a farne le spese). Necessita riportare la nostra Europa a quegli obiettivi di principio democratici che l’avevano fatta grande. Necessita cacciare queste lobby e tornare alla nostra sovranità nazionale monetaria e politica, se non vogliamo tornare a farci ricrescere la coda!

“TUTTO PER NOI NIENTE PER GLI ALTRI”

E’ questo il motto dei nuovi padroni del pianeta!
Se i “politici” che da anni “massacrano” il nostro paese, si rendessero conto del male che hanno fatto non solo agli italiani, ma all’intera umanità si sparerebbero, ma vili come sono non lo faranno mai! Purtroppo le sofferenze del genere umano sono sempre dipese dalla follia e dalla sete di potere di idioti, ai quali per una serie di circostanze si è data fiducia e importanza. A questo va aggiunto il disinteresse dei popoli su cose di vitale importanza come la politica, dalla quale dipende la qualità di vita attuale e futura di una nazione. Purtroppo la massa popolare (sulla quale si abbattono le conseguenze) è proprio quella meno interessata ad occuparsene e delega alla cieca la propria vita al primo imbroglione, magari più bravo degli altri ad ingannare. Questo stato di fatto consente alla classe dirigente di dormire sonni tranquilli, ben sapendo che qualsiasi abuso si faccia contro la popolazione, non corrono alcun rischio. Sanno di essere riusciti ad addormentare i loro cervelli e che difficilmente saranno in grado di risvegliarsi. Del resto non è solo l’Italia il paese dei belli addormentati, ma un po’ tutto il vecchio continente, se non l’intero pianeta ad essere sotto una strana forma di incantesimo, come se ogni giorno qualcuno bombardasse le città col cloroformio. E’ inquietante che persino quel popolo che duecento anni prima fu capace di decapitare un re e la sua regina, cancellando quel sistema antiquato e marcio, dando inizio ad un sistema democratico, sia anch’esso caduto in catalessi.
I plutocrati dunque, sono finalmente riusciti ad ottenere quel che da sempre volevano: paralizzare la popolazione, per sottometterla e impedirle qualsiasi forma di reazione: solo di questo hanno paura, che il popolo si svegli!
Ci sono riusciti purtroppo! Ci sono riusciti il giorno in cui fermarono col sangue di un innocente Carlo Giuliani, quel magico movimento mondiale “No global”, che ogni anno si riuniva per studiare le strategie giuste per contrastarli. Stroncare quel movimento è stato possibile perché in Italia esisteva una vile, immorale, degenerata e fascista classe dirigente, facile da comprare. Infatti la più vergognosa pagina della storia dell’umanità è stata scritta nel nostro paese, con il massacro di giovani pacifisti a braccia alzate, venuti da tutto il mondo per protestare contro la presa di potere da parte del degenerato, impazzito e fuori controllo capitalismo finanziario e contro l’asservimento ad esso dell’intera classe politica.
Da quel momento il biglietto da visita del nostro paese è diventato il disprezzo. Quel tristemente famoso G8 di Genova, ha fatto conoscere al mondo intero a quale livello di immoralità e degrado sia arrivata la nostra classe dirigente. Inutile negarlo il governo si macchiò le mani col sangue di ragazzi innocenti provenienti da tutto il pianeta. Lo schifo che da quel giorno il mondo intero prova nei nostri confronti non finirà mai, anche perché a ciò si deve aggiungere l’odio per aver contribuito a porre la vita di miliardi di esseri umani nelle fauci di questi squali!
Del resto chi può negare che dal massacro di Genova si sia avvantaggiata questa feroce forma criminale messa in atto dalle banche mondiali e multinazionali, per depredare delle sue ricchezze l’intero pianeta? Chi può negare che da quel lugubre giorno sia scesa la notte sull’umanità, trascinata in una miseria globale?
Quel che stupisce è il silenzio degli intellettuali, della stampa, dei personaggi dello spettacolo, dello sport. La domando è: sono anche loro sottomessi a quell’uno per cento di belve che si spartiscono l’intera ricchezza del pianeta o ne sono terrorizzati? Forse vale la seconda ipotesi, almeno per quanto riguarda gli intellettuali italiani, ammutoliti dopo l’assassinio di Pier Paolo Pasolini. Comunque sia è molto triste il loro silenzio, perché su loro pesano le responsabilità di promulgare la conoscenza in funzione del bene comune. Farsi chiudere la bocca è indegno specialmente per chi ha fatto della conoscenza il proprio mestiere!
Questi soggetti vanno fermati in qualsiasi modo e le loro strutture disintegrate. Basta con l’assurdità del loro motto: “tutto per noi e niente per gli altri”. Il mondo deve tornare a quote normali altrimenti la terza guerra mondiale (inevitabile) riporterà i sopravvissuti all’età della pietra!

SIAMO TUTTI OPPORTUNISTI
E’ inutile negarlo o ci siamo lasciati castrare il cervello oppure siamo anche noi opportunisti e ci fa comodo schierarci dalla parte dei più forti.
Non sono solo i mediocri e amorali politicanti che negli ultimi cinquant’anni stanno trascinando il nostro pianeta verso l’estinzione. Non sono solo gli organi dell’informazione ad essersi venduti ai potenti. Non sono solo i capitalisti privi di coscienza che per saziare la loro sete di potere, scatenano guerre a ripetizione contro popolazioni indifese, ma ricche di cose di cui vogliono impossessarsi ad essere impazziti, impazziti lo siamo anche noi tutti! Non fosse così non ci lasceremmo rincoglionire dalle false versioni che ci propinano ma reagiremmo contro queste falsificazioni!
Abbiamo adottato con miserabile disinteresse (visto che non si trattava di noi) l’oscena definizione delle guerre diventate “missioni di pace”. Abbiamo accettato (senza analizzare le situazioni) la definizione di “terrorismo” di quei poveri cristi che da anni vedono massacrare la propria nazione e morire la propria gente, sotto feroci bombardamenti e non avendo altre difese che la propria pelle (perché ci conviene chiudere gli occhi piuttosto che fornirgli aiuti) per la disperazione arrivano a farsi esplodere, nell’estremo tentativo di fermare questi criminali. Chiedo a chi si scandalizza e condanna questo orrendo atto di resistenza, che differenza c’è morire sotto le macerie della propria casa o arsi dal fosforo bianco o catturati e torturati a vita o farsi esplodere portando con se qualcuno degli oppressori? LA MORTE E’ MORTE!
Questo mondo è marcio se si schiera dalla parte dei veri TERRORISTI e definisce terroriste le vittime! Questo ribaltare la verità rende sempre più forti i CAPITALISTI DEL TERRORE.
Perché queste energie non vengono spese per combattere la sete di potere di questi squali mai sazi? Sono loro il vero male dell’umanità! Se la smettessero di volersi accaparrare tutte le risorse di questo pianeta, accontentandosi di tutto quello di cui si sono già appropriati invece di continuare a depredare le altre nazioni, nessuno si farebbe esplodere e il mondo si quieterebbe! La cosa più oscena che ci riguarda è quando muore qualcuno dalla parte degli oppressori magari un bambino e tutti si scagliano contro il kamikaze e non contro chi lo ha costretto a diventarlo. Certo che siamo tutti contro la morte dei bambini ma di tutti i bambini per Dio! Perché non ci si scaglia contro chi ne seppellisce a centinaia di bambini sotto le proprie case, contro chi li arde col fosforo bianco o li elimina con le armi chimiche o li priva di braccia e gambe o li sfregia per sempre o li lascia soli al mondo senza genitori, fratelli, sorelle, nonni, zii, cugini, parenti, amici e conoscenti? Forse per bambini si intendono solo i figli degli oppressori? VERGOGNIAMOCI: politici, giornalisti e tutti noi incapaci di schierarci dalla parte della ragione perché è più conveniente stare dalla parte del dannato potere. Facciamo veramente schifo, maledizione!

RIBELLIAMOCI OGGI DOMANI E’ TROPPO TARDI

E’ necessario che le popolazioni di questa vecchia Europa reagiscano oggi alla dittatura dei banchieri, perché domani sarà troppo tardi!
Purtroppo le masse popolari non hanno ancora capito quali sono le intenzioni di questa “globalizzata e degenerata forma di capitalismo”. Sarebbe necessario per accendere la luce nelle loro menti addormentate, adoperarci tutti per arginare quella disinformazione di massa, che i media stanno usando con i loro potenti mezzi televisivi, ingannando vergognosamente gli utenti! Continuando a tenere nell’ignoranza le masse, non ci sarà mai una consapevolezza dei propri sacrosanti diritti, per quella categoria costretta a vendere la propria forza lavoro, per sostenersi. Non ci sarà differenza fra quelli che acclamavano quel ridicolo imbonitore sul balcone di piazza Venezia e gli attuali sostenitori di Berlusconi prima e del suo erede naturale oggi. L’esperienza non servirà a niente se oscurata come stanno facendo, infatti ci si è già dimenticati del milione di posti di lavoro per ottenere consensi, visto che si continua a fare la medesima cosa, con chi ne compra il consenso in cambio di ottanta euro.
Ci siamo dimenticati della lettera di Jean Claude Trichet e Mario Draghi dell’agosto 2011, dove si ordinava a questi servi di potere (non più capi di Stato) la liberalizzazione dei servizi pubblici locali e professionali, dove si imponeva la riforma della contrattazione salariale collettiva, necessaria per sottomettere la classe lavoratrice ai “padroni”, per tagliare i salari, i diritti acquisiti e ridurre i pochi benefici, peggiorando di molto le condizioni e la sicurezza sul lavoro, oltre che precarizzare tutti.
E’ per realizzare l’eterno sogno dei capitalisti (dominare il mondo) che questi governicchi, questi esseri amorali e traditori della patria non votati da nessuno, che si stanno sbracciando. Chissà se si rendono conto che per saziare la feroce sete di potere di questi cannibali, stanno distruggendo la vita ai connazionali e uccidendo la propria nazione.
Non è bastato aver privato della sovranità politica ed economica nazioni sovrane, ora si chiede a questi “servi” di attuare una ulteriore macelleria sociale: le privatizzazioni e la svendita selvaggia dei patrimoni statali rimasti, con ulteriore cessione di sovranità.
E’ per realizzare tutto questo che sono state messe a governare queste marionette, gente mediocre e priva di dignità, per essere ben manipolata da questi nuovi “dei”. Sono stati scelti con cura, per
l’immoralità necessaria a spremere fino alla morte, la classe lavoratrice e per ottenere la perdita totale della sovranità della nazione.
Se non è alto tradimento questo, vorrei sapere cos’altro è!
Abbattere al più presto quel muro della vergogna, con cui questa forma di nazi-fascismo ci sta imprigionando, è la prima cosa da fare per tornare a vivere in pace e scegliere noi da chi farci governare.
Cosa abbiamo ottenuto aderendo all’Unione Europea e dall’introduzione della moneta unica se non povertà di intere generazioni, disoccupazione di massa, svendita dei beni pubblici? Oltretutto ancora non basta a saziare l’avidità di questi cannibali, NON BASTA perché pretendono la totale distruzione degli Stati nazionali, che ritengono di ostacolo al mercato globale!
Cos’ è meglio fare, riappropriarci della nostra sovranità o continuare l’opera di dissoluzione delle nostre nazioni?

DA PARADISO A INFERNO TERRESTRE

E’ quello che stanno realizzando coloro che si sono arrogati il diritto di auto-eleggersi padroni del mondo!
Questi invisibili mostri, che si celano sotto il nome di banche mondiali, multinazionali o altro, somigliano sempre più alla descrizione che ne fa Dante Alighieri nella sua Commedia. Infatti sembrano usciti da quell’Inferno che ora stanno realizzando qui sulla Terra, dividendola in gironi infernali.
In meno di cinquant’anni questi dannati sono riusciti a danneggiare il pianeta Terra come nulla e nessuno era riuscito a fare in milioni di anni.
Gli abitanti di questo pianeta non hanno mai avuto vita facile, non tanto per i disastri naturali quanto per l’odio, la ferocia e l’immoralità che alberga nella mente di quell’animale detto uomo. Questa specie, nonostante sia riuscita a sollevarsi dalla terra, ad alzarsi in piedi, ad affinare l’uso dell’intelletto e delle mani, riuscendo a creare opere meravigliose con cui circondarsi, non è riuscita ad evolversi fino ad umanizzarsi, ed in questo è rimasta bestia!
Non sono bastati secoli di civiltà a modificarne l’istinto feroce, non è bastata la conoscenza, la cultura, l’istruzione a penetrare quella scatola cranica, soprattutto quella di quei predatori, che avevano inventato quel bel sistema di sfruttamento dell’uomo sull’uomo, per circondarsi nel lusso senza faticare, dividendo l’umanità in ricchi e poveri, ossia fra disonesti e onesti.
Con il passare dei secoli questa distinzione si è fatta sempre più netta: i ricchi sempre più ricchi e i poveri sempre più poveri, ma l’ingordigia di questi sfruttatori non è mai stata appagata e i loro artigli non conoscono limiti. Per saziare la loro sete di potere e la feroce avidità sono arrivati a commettere efferati delitti a ripetizione e crimini contro l’umanità. Hanno depredato nazioni delle loro ricchezze, lasciando morire per fame milioni di esseri umani. Hanno schiavizzato popoli usati come zerbini per i loro piedi sozzi di sangue. Hanno distrutto città disarmate. Non si sono mai fermati dinanzi a nulla, neppure di fronte alle catastrofi naturali e agli avvertimenti che il nostro pianeta sta lanciando, in risposta agli abusi contro la stessa natura. Non si fermano dinanzi a città ridotte in macerie, né dinanzi a milioni di vittime: donne, uomini, bambini, vecchi, ragazzi, non si fermano dinanzi allo sterminio di un popolo che sta avvenendo sotto i nostri occhi. Perché è uno sterminio quello che Israele sta compiendo contro la Palestina.
Abbiamo condannato i nazisti per crimini contro gli ebrei e non osiamo condannare gli ebrei per crimini ancora più gravi, contro i palestinesi.
Per davvero ci siamo lasciati castrare la mente fino a questo punto? Fino a non riconoscere più la differenza fra ciò che è giusto da quel che giusto non è?
Continuando a non voler vedere la criminale mostruosità di quel che i “potenti” stanno compiendo contro il pianeta e i suoi abitanti, ci porterà all’estinzione.
Questo meraviglioso pianeta, nato per rendere armoniosa e bella la vita di tutti coloro che lo avrebbero abitato, nulla aveva di sbagliato. Generosamente ci aveva regalato le sementi, la fertilità della terra, il vento per trasportarne il polline, la pioggia per dissetarla, il sole per maturare i frutti, e la neve, quale candida coperta per riposare durante l’inverno e ridestarla fresca in primavera. Questo povero pianeta, che galleggia nell’armonia dell’ universo, nato come paradiso terrestre, condannato a morire come inferno terrestre, grazie all’immoralità della sua classe dirigente e alla colpevole ignavia dei suoi abitanti!

ONORE AGLI OPPOSITORI

Finalmente in questo paese esiste una vera opposizione alla deriva democratica che i governanti a turno, stanno portando a compimento.
Inchiniamoci dinanzi a coloro che in Parlamento stanno lottando per impedire quelle controriforme che stravolgeranno per sempre le nostre vite e quelle delle generazioni future, se riusciranno a realizzare questo vile progetto antidemocratico.
E’ necessario porsi alcune domande: a chi serve la controriforma del Senato se non ad agevolare le politiche monetariste dell’Unione Europea? E per quale ragione il presidente del Consiglio rifiuta una regola democratica quale permettere siano i cittadini ad eleggere i senatori? La risposta è scontata: lo stravolgimento delle regole democratiche nonché della Costituzione, servono a fermare ogni forma di protesta della popolazione civile, contro chi intende strangolarli col ”fiscal compact” in italiano: patto finanziario!
Le privatizzazioni dei servizi pubblici, la riduzione dei salari, l’ulteriore precarizzazione del lavoro e quindi la disoccupazione e l’impoverimento di massa, perpetrato all’infinito con sempre maggiore durezza, potrebbero generare forti reazioni fino a provocare una ribellione delle masse che non avendo più nulla da perdere, si scaglierà contro i responsabili. Si rende perciò necessaria (secondo l’odiosa visione di questo degenerato capitalismo) istituzionalizzare obiettivi repressivi e autoritari.
Dunque ecco svelato l’arcano di queste controriforme sia del Senato che della legge elettorale ultra-maggioritaria, che questo abusivo e rachitico governicchio, sta tentando di realizzare ad ogni costo. Queste forme di autoritarismo a senso unico, imposte ad un paese democratico servono a prevenire futuri conflitti sociali e a conferire un potere dominante ad una sola persona: il capo (un tempo detto duce) rendendo più facile al manovratore, disattendere le false promesse strombazzate per ottenere consensi e reprimendo più facilmente, ogni e qualsiasi manifestazione di dissenso.
Ecco svelate le vere ragioni dell’urgenza di manomettere la Carta Costituzionale, scartando ogni ipotesi contraria proveniente dalla società civile, dai veri costituzionalisti e dall’opposizione. Un vero e proprio abuso di potere per estromettere ed impedire che le opposizioni vengano rappresentate all’interno delle istituzioni parlamentari. Rendere innocua la popolazione per meglio sottometterla.
Questa che sembrava una bestemmia quando la banca JP Morgan disse che in Europa sarebbe stato possibile continuare con le contro-riforme solo abolendo le “Costituzioni antifasciste”, queste bestemmie sono divenute “vangelo” per la nostra indegna, idiota e disonesta classe politica!
Onore a chi li sta combattendo!

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 33 follower